Architettura dipinta, copertina

Architettura dipinta.
Le decorazioni parmensi dei Galli Bibiena

Catalogo della Mostra tenuta a Collecchio nel 2007

a cura di Giuseppe Cirillo, Parma, Grafiche Step, [2007?], 198 p. : ill. ; 28 cm.
Nuova acquisizione Biblioteca ISAL. Omaggio del Comune di Collecchio

Il trecentocinquantesimo anniversario della nascita di Ferdinando Galli Bibiena (Bologna 1657-1743) ha portato alla realizzazione, da parte dell’Amministrazione comunale di Collecchio, della mostra “Architettura dipinta. Le decorazioni parmensi dei Galli Bibiena”, curata da Giovanni Godi, e del relativo catalogo diretto da Giuseppe Cirillo.
Nell’accurato saggio introduttivo del volume sono delineate le vicende biografiche e artistiche – in particolare del periodo di attività nel ducato farnesiano - dei due pittori, di cui il curatore fornisce un profilo dettagliato.
Interessanti sono anche i continui rimandi al panorama artistico di fine Seicento e di inizio Settecento, che mettono in luce le tangenze con altri artisti, come nel caso della collaborazione con Sebastiano Ricci nella decorazione dell’Oratorio del Serraglio a San Secondo, e le derivazioni e le citazioni, come nel caso dell’Allegoria Farnesiana desunta da Domenico Piola.
In mostra sono confluiti, oltre a numerose riproduzioni fotografiche degli affreschi di Palazzo della Pilotta, della chiesa delle Cappuccine Nuove a Parma, e dell’oratorio del serraglio a San Secondo, alcuni bozzetti, tra cui l’Assunzione della Madonna di Sebastiano Ricci, qualche disegno, tra cui quello di Ferdinando per la sistemazione del coro nella Chiesa della Steccata di Parma. Notevoli sono anche le incisioni (a volte purtroppo proposte solo in fotografia), i libretti di scenografie provenienti dalla Biblioteca Palatina, dalla Biblioteca del Conservatorio, dall’Archivio di Stato di Parma e dal Museo Teatrale alla Scala di Milano, e il trattato dell'Architettura Civile stampato a Parma nel 1711. È inoltre inclusa nell’esposizione una sezione di documenti relativi alle attività svolte dai due artisti negli anni 1696-1712.
Un’attenta lettura meritano le schede in catalogo e il contributo di Ubaldo Delsante dedicato a villa Santucci - Fontanelli, già Paveri Fontana, a Collecchio, dove i fratelli Ferdinando e Francesco realizzano in due diverse fasi, (1687 e 1703), uno splendido ciclo di affreschi, purtroppo non molto conosciuto, fino a poco tempo fa. (Beatrice Bolandrini)